“Fbclid=” L’ennesimo trucco (dannoso) di Facebook per tracciare la navigazione (e invalidare le cache)

E’ sfuggito a molti ma non a tutti, l’ennesimo trucco di Facebook per tracciare la navigazione degli utenti quando cliccano su link postati sul Social Network.

I più attenti si saranno accorti infatti che, cliccando su qualunque link, immagine o video esterni a Facebook, il Social network aggiunge un parametro “?fbclid=” al link, seguito da una stringa di caratteri. Per verificarlo, basta andare ad un qualunque link che punti ad un sito esterno a Facebook, fare un click destro quindi “Copia indirizzo” o simili e poi incollare il risultato in un qualunque file di testo o nella barra del browser (senza premere “Invio”).

Questo parametro (facilmente traducibile in “Facebook Client ID”) è utile solo a Facebook che così può tracciare l’atterraggio su quel sito da parte dell’utente. Su alcuni siti il parametro risulta persistente anche navigando nel sito in questione.

Il problema, oltre a quello relativo alla privacy, è che quando il navigatore atterra sul vostro sito, lo fa con quel parametro appiccicato e quindi, dato anche che il parametro cambia per ogni visitatore, da un lato va a generare copie inutili nella cache sul vostro server e dall’altro impedisce al server stesso di servire la pagina in cache, generando quindi traffico inutile a carico del sistema (e se avete un sito molto visitato questo può essere davvero un grosso problema).

Come risolvere?

Per eliminare il problema basta un piccolo ritocco al file .htaccess del vostro sito (se non sapete cosa sia, cercate su qualunque motore di ricerca), che vi riporto di seguito. Aggiungete queste tre righe e il gioco è fatto: tutte le chiamate con il parametro di facebook verranno automaticamente ridirezionate al link definitivo, senza più traccia della stringa tracciante. In più, dato che il redirect impostato è definitivo (301) il vostro browser lo memorizzerà come tale, per gli accessi successivi.

Ecco le righe:


RewriteEngine On
RewriteCond %{QUERY_STRING} ^(.*)&?fbclid=[^&]+&?(.*)$ [NC]
RewriteRule ^(.*)$ /$1?%1%2 [R=301,L]


Naturalmente se lo statement “RewriteEngine On” è già presente nel vostro file .htaccess è inutile ripeterlo.

 

 

Condividi